presepe dei rifiutati_ aramengo_nicola 7

IL PRESEPE DEI RIFIUTATI ad Aramengo. L’opera di Gian Luigi Nicola vista dal critico d’arte Massimo Olivetti

IL PRESEPE DEI RIFIUTATI di Massimo Olivetti Non è la nascita l’alba del mondo. La nascita è solo la fine di un travaglio, di un peregrinare in cerca di una collocazione, di un’accoglienza, di un posto, un luogo, una dimensione che sanciscano e santificano l’esistenza e l’essenza di un nuovo essere umano. Il presepe dei rifiutati è il dito puntato sulla negazione della certezza del parto, non con l’impedimento della vita, ma con la materializzazione della precarietà futura di questa stessa vita.   Maria e Giuseppe vagano e cercano. Cercano non solo il luogo ma soprattutto cercano la gente, cercano il conforto, cercano l’accoglienza. Il rifiuto …

RECITA DI NATALE IN COLLINA - partic M G Alemanno

FRAMMENTO DI PRESEPE POPOLARE

Maria Giulia Alemanno: Recita di Natale in collina olio su tavola, particolare1980 Come lo chiamano? Presepe vivente… Ecco qui la Madonna, San Giuseppe, Gesù Bambino, i pastori, gli angeli… Tutta gente del paese riunita per raccontare la storia più bella: quella di un bimbo destinato a cambiare il mondo.

beppe-al-chietto-part

Quando con FRANCESCO TABUSSO arrivai al Chietto

Beppe, particolare di Interno del Chietto Ho aspettato fino ad oggi, per ricordare in questa afosa serata d’estate Francesco Tabusso, il mio maestro, il mio amico. Molti hanno parlato di lui quando se n’è andato, spero a dipingere nel Paradiso dei Pittori, se mai esiste, in una notte bianca di neve, la sua neve caduta per trasformare Torino in un grande quadro coperto da  un lenzuolo impalpabile. Allora non me la sono sentita di scriverne. Quando l’ho saputo ero lontana, sotto altra neve, quella gelida ed estraniante degli immensi territori canadesi. Mi sono ritrovata sperduta e sola. Ho molto pensato …

Translate »