mamma laura ed io_ Cantavenna_small b

Cara mamma Laura, buon secolo lassù.

Mamma Laura ed io. Il nostro abbraccio in collina Quel pomeriggio di marzo eravamo salite in collina. Seppur già provata, eri felice di poter guardare il mondo dall’alto. Oltre il ponte, sotto la rocca di Verrua Savoia, stavano sbocciando le primule che ti piacevano tanto, e le violette e l’anemone hepatica. Amavi i fiori selvatici, semplici e delicati come te, e t’incantava l’armonia del sottobosco fitto di piccole sorprese. Ricordo  la tua gioia nel seguire il paesaggio, il castello di Gabiano con la sua architettura da favola, i filari ordinati delle vigne, i prati come ritagliati in un’antica coperta patchwork. Ti …

Papaveri_Crescentino_Verrua copy

I PAPAVERI DEI GALLI E LA FORTEZZA DI VERRUA SAVOIA

La Fortezza di Verrua Savoia vista dalla Frazione Galli di Crescentino  In un giorno di tarda primavera, così appare dai campi della Frazione Galli di Crescentino la Fortezza di Verrua Savoia. Un esercito di papaveri rossi ondeggia in pianura, obbedienti soltanto al comando del vento. Già si respira l’estate che profuma di fieno. Il ricordo delle battaglie tra francesi e piemontesi è ormai lontano, nascosto tra le acacie che assediano la rocca.

APPARIZIONE DEL CAMPANILE DI FONTANETTO PO

CAMPANILE DI FONTANETTO PO (Vercelli). Quasi un’apparizione Andarmene sola in campagna, guardare le risaie, seguire le curve dei fossi, questo da qualche tempo faccio, sicura d’avere più conforto dal mio girovagare che non dall’aprire i giornali, leggere le notizie, nutrirmi di catastrofi. Ed ogni tanto mi aspettano apparizioni, come questa del campanile di Fontanetto Po che metafisico emerge dal nulla. In fondo alla strada sterrata la vita è bella.

COLLINA DI CAMORANO

COLLINA DI CAMORANO (Verrua Savoia) © Maria Giulia Alemanno, pastelli a olio e grafite su carta cm 11,5 x 16,5 – 2011 Profumo d’estate sulla collina di Camorano erbe di campo, sambuco ed acacie. Ragazzi, lasciavamo la pianura arrancando in bicicletta per trovare gli amici. Pesche  albicocche e risate fino a sera al lume delle lucciole sul fieno. E il Monte era il rifugio segreto, più buio della notte intrappolata nella rete inestricabile dei boschi.

entroterra-ligure-copy

ENTROTERRA LIGURE

ENTROTERRA LIGURE Maria Giulia Alemanno © Pastelli a olio e grafite su carta cm 11,5 x 17 – 2011 Della serie Piccoli Viaggi di Carta – Little Paper Travels Molte volte ho respirato aria di mare salmastra dall’alto. Ricordi d’infanzia e poi di giovinezza. E quelle case arroccate, roccia nella roccia addolcita dal verde azzurro degli ulivi, mi son sempre rimaste nel cuore come rifugi segreti dell’anima. Ripercorrerne su carta gli antichi carrugi è stata una nuova scoperta. Di me bambina, di me ragazza ogni volta stupita e commossa da tanto incanto primitivo. E il profumo del mare è arrivato …

granado-e-cappai

Alberto Granado e Maria Giulia Alemanno, il gitano e la pittrice

Alberto Granado conversa con il giornalista e scrittore Alessandro Cappai a Crescentino (Vercelli) nel settembre 2006 – Foto di Fabrizia Scapinello © Il compagno del Che insieme a Lella Alemanno a Crescentino IL GITANO E LA PITTRICE Lo Sguardo di Granado Alessandro Cappai in La Nuova Periferia,  20 settembre 2006 Alberto Granado ha oltre ottanta anni. La sua vita è segnata su un volto pieno di rughe che indica anni e chilometri percorsi da un piccolo uomo a cavallo tra la storia e il mito, in bilico sul tropico, a spasso nella rivoluzione. Quei segni indicano, come i cerchi nel …

RISAIA DI SAN GRISANTE 2

Nuvole barocche di primavera sulle risaie di Crescentino

Non è una grande notizia quella di oggi. Le nuvole sulle risaie le vedo da quando ero bambina, dovrei dunque essere abituata al loro passaggio sui miei campi allagati. Eppure ogni volta mi commuovono. Bianche e drammatiche come pennellate barocche, portano il cielo in acqua e ci regalano meraviglie. San Grisante e San Genuario, antiche frazioni di Crescentino nella pianura vercellese, mare a quadretti in primavera, sono i territori privilegiati delle mie avventure. La gioia delle mie scoperte voglio dividerla con voi. Maria Giulia Alemanno

Translate »