SE NON LE DONNE, CHI? Domenica 11 dicembre da Roma a Torino torniamo a tessere i fili di SE NON ORA QUANDO

IL mio gomitolo per SE NON ORA QUANDO in SE NON ORA QUANDO? MANIFESTAZIONE DI TORINO di Maria Giulia Alemanno
IL MIO GOMITOLO PER “SE NON LE DONNE, CHI?”. Maria Giulia Alemanno © matite colorate per fili colorati su carta – 2011

«Mai più contro di noi, mai più senza di noi».

È  lo slogan della manifestazione organizzata per domenica prossima, 11 dicembre, dalle donne di
Se non ora Quando?

Non si è mai spento il ricordo del fiume di consapevolezza che ha attraversato l’Italia il 13 febbraio, ed ora si tornano in piazza per parlare di dignità e diritti, ma anche di come cambiare l’Italia. Questa volta, però, al posto di
«Se non ora, quando?»,
la domanda è :

«Se non le donne, chi?»

.Si  legge infatti sul manifesto dell’iniziativa:
«un paese senza la voce delle donne è un paese che va a finir male, verso una società triste e lenta, ingiusta, immobile, volgare e bugiarda».
Così, sempre più propositive ed unite le donne del movimento si ritroveranno alle 14.00 in Piazza del Popolo, a Roma, per un concerto-dibattito che vedrà alternarsi sul palco artiste (come Emma Marrone, Paola Turci, Marina Rei, Cristina Comencini) e professioniste (come la sociologa Chiara Saraceno e la creativa Annamaria Testa).

Con loro si parlerà di welfare, maternità, quote rosa, precariato femminile, rappresentazione delle donne nei media. Le organizzatrici spiegano che «Bisogni e desideri delle donne possono già essere un buon programma di governo».
E aggiungono: «Sappiamo più degli uomini quanto oggi sia difficile vivere, lavorare, mettere al mondo figli, educare. Difficile essere giovani, difficile essere vecchi. Le nostre competenze non le abbiamo guadagnate solo sui libri, ma anche dalla faticosa e spesso terribile bellezza della vita delle donne».

Un ombrello e gomitoli di lana, simboli di SE NON ORA QUANDO a Torino in SE NON ORA QUANDO? MANIFESTAZIONE DI TORINO di Maria Giulia Alemanno
13 Febbraio 2011 a Torino: fili di lana ed un ombrello, simboli di SE NON ORA QUANDO

A Torino, città dei fili della consapevolezza,  l’appuntamento di
SE NON LE DONNE, CHI?
è sempre per domenica 11 dicembre in Piazza Castello alle ore 14.00.
“Vogliamo che  l’Italia sia (anche) un Paese per le donne.
Abbiamo proposte, idee, competenze perchè lo diventi adesso”
si legge sul volantino. Ritroviamoci per rilanciare i fili del 13 febbraio con lo stesso entusiasmo e forza perchè
NOI CI SIAMO.
MAI PIU’ CONTRO DI NOI, MAI PIU’ SENZA DI NOI

Snoq Torino

11 DICEMBRE – SE NON LE DONNE, CHI? – YouTube

«Mai più contro di noi, mai più senza di noi». È  lo slogan della manifestazione organizzata per domenica prossima, 11 dicembre, dalle donne di «Se non ora, quando?».

A oltre dieci mesi dall’evento dello scorso 13 febbraio, tornano in piazza per parlare di dignità e diritti, ma anche di come cambiare l’Italia. Questa volta, però, al posto di «Se non ora, quando?», la domanda è : «Se non le donne, chi?».

Perché, si legge sul manifesto dell’iniziativa, «un paese senza la voce delle donne è un paese che va a finir male, verso una società triste e lenta, ingiusta, immobile, volgare e bugiarda». Così, armate di proposte più che di bandiere, le donne del movimento si incontreranno alle 14 in Piazza del Popolo, a Roma, per un concerto-dibattito che vedrà alternarsi sul palco artiste (come Emma Marrone, Paola Turci, Marina Rei, Cristina Comencini) e professioniste (come la sociologa Chiara Saraceno e la creativa Annamaria Testa).

Con loro si parlerà di welfare, maternità, quote rosa, precariato femminile, rappresentazione delle donne nei media. «Bisogni e desideri delle donne possono già essere un buon programma di governo», spiegano le organizzatrici. «Sappiamo più degli uomini quanto oggi sia difficile vivere, lavorare, mettere al mondo figli, educare. Difficile essere giovani, difficile essere vecchi. Le nostre competenze non le abbiamo guadagnate solo sui libri, ma anche dalla faticosa e spesso terribile bellezza della vita delle donne».

Appunto: se non le donne, chi?

► 2:33► 2:33

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *