UN RIMORSO di Guido Gozzano ed un mio ritratto immaginario della povera cosa che l’ama

UN RIMORSO

da “La via del rifugio”

di Guido Gozzano

Alemanno_Gozzano_Un rimorso_ copy

I.

O il tetro Palazzo Madama…
la sera… la folla che imbruna…
Rivedo la povera cosa,

la povera cosa che m’ama:
la tanto simile ad una
piccola attrice famosa.

Ricordo. Sul labbro contratto
la voce a pena s’udì:
“O Guido! Che cosa t’ho fatto
di male per farmi così?”

Alemanno_Gozzano_Un rimorso 4 copy

II.

Sperando che fosse deserto
varcammo l’androne, ma sotto
le arcate sostavano coppie

d’amanti… Fuggimmo all’aperto:
le cadde il bel manicotto
adorno di mammole doppie.

O noto profumo disfatto
di mammole e di petit-gris…
“Ma Guido che cosa t’ho fatto
di male per farmi così?”

Alemanno_Gozzano_Un rimorso 3 copy

III.

Il tempo che vince non vinca
la voce con che mi rimordi,
o bionda povera cosa!

Nell’occhio azzurro pervinca,
nel piccolo corpo ricordi
la piccola attrice famosa…

Alzò la veletta. S’udì
(o misera tanto nell’atto!)
ancora: “Che male t’ho fatto,
o Guido, per farmi così?”

Alemanno_Gozzano_Un rimorso 2 copy

IV.

Varcammo di tra le rotaie
la Piazza Castello, nel viso
sferzati dal gelo più vivo.

Passavano giovani gaie…
Avevo un cattivo sorriso:
eppure non sono cattivo,

non sono cattivo, se qui
mi piange nel cuore disfatto
la voce: “Che male t’ho fatto,
o Guido per farmi così?”.

Alemanno_Gozzano_Un rimorso INTERROGATIVO

Accompagna la poesia di Guido Gozzano il ritratto immaginario  della “povera cosa” di  Maria Giulia Alemanno
Titolo “Ma Guido”
olio su tela, 60 x 50 cm
2021
L’opera fa parte di  ” LINGUAGGI PER L’ANIMA. Segni…Colori…Parole…” , una mostra collettiva a cura di Maria Antonietta Claretto, esposta nel Palazzo delle Feste di Bardonecchia (Torino) dal 26 giugno al 18 luglio 2021

Inaugurazione sabato 26 giugno alle 17.00

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *