Maria Giulia Alemanno_come eleggua_ la habana

Io come Elegguá a L’Avana

Come Elegguá ph © Filippo Gallino Io come Elegguá in un giorno di sole per cercar di capire il mistero del piccolo dio che apre le porte del destino. Non ho chiavi con me,   il mio rifugio è aperto sul mondo. Cosa accadrà non so e neppure conosco chi mi aspetta al crocevia, quale strada prenderò, chi incontrerò lungo il cammino. Ho ancora molto da imparare e molto da scoprire di questa vita in rosso e nero, poco da dire e molto da dare prima che scenda la sera. *  La  foto fu scattata dal fotografo Filippo Gallino in un angolo magico della 5a Avenida a …

Yemaya Olokun frente del Taller de Papel Artesanal _ La Habana_ Cubs

LA MIA YEMAYÁ OLOKUN nelle parole del critico d’arte MASSIMO OLIVETTI

in studio con  “I profondi abissi di Yemayá  Olokun” acrilico su tela, 125  x  500 cm. 2020 Una mia grande tela dal titolo “ I profondi abissi di Yemayá Olokun” è diventata una preziosa installazione nel Museo Casa de Africa di L’Avana.  Sono cinque metri lineari di alte onde al cui centro spicca l”immagine di una divinità ibrida, la somma di Yemayá, signora di tutti i mari, e Olokun, padrone delle buie profondità dell’oceano. All’ opera ha dedicato un testo il critico d’arte Massimo Olivetti che ben conosce l’affascinate realtà, o irrealtà, della religiosità afrocubana.   I PROFONDI ABISSI DI  YEMAYÁ OLOKUN di Massimo Olivetti …

Yemaya_Casa de Africa_© maria giulia alemanno_cuba

La mia Yemayá guarda L’Avana dal balcone del Museo Casa de África

Il Museo Casa de África e il banner con la mia Yemayá (foto di Magaly Torres ©) Che la  vita di un artista non sia sempre  facile si sa,  potrei scrivere pagine a riguardo.  Poi, quando meno te lo aspetti, giungono doni che ti convincono dell’importanza di continuare. E sono soddisfazioni che cancellano titubanze e delusioni. Questo regalo mi arriva dal Museo Casa de África di L’Avana che quest’anno ha scelto  una mia opera come simbolo del XXVII Taller Scient¡fico de Antropolog¡a Social y Cultural Afroamericana e contemporaneamente per ricordare il  XXXVII anniversario della sua fondazione. Si tratta della Yemayá che realizzai per il …

Yemaya_© Maria Giulia Alemanno_ cuba

La mia Yemayá è ora un manifesto del Museo Casa de África di L’Avana

  © Maria Giulia Alemanno: Yemayá acrilico su iuta, 180 x 115, 2004 ora sul manifesto del Museo Casa de África Confesso di aver provato una forte emozione quando il dottor Alberto Granado Duque , direttore del Museo Casa de África de la Oficina del Historiador de la Ciudad de La Habana, mi ha comunicato che per la ventisettesima edizione del Congresso di Antropologia Sociale e Culturale Afroamericana dedicato al grande africanista Rogelio Martínez Furé recentemente scomparso, la mia Yemayá del ciclo “Mis Orishas” era stata scelta come  simbolo dell’evento. Ed ecco qui il bel manifesto a ricordo della fondazione del museo avvenuta  nel 1986, trentasette anni …

IO E OCHUN small

OSHUN DAL PASSATO PER AFFRONTARE IL FUTURO

Con Oshun acrilico su tela di sacco cm 180 x 115 2004 Non so se sia saggio ripescare nel fiume del passato che inesorabilmente scorre. Rischia anzi  di essere doloroso perché il tempo non sosta nemmeno nelle anse più nascoste e segue la corrente verso il grande mare,  sua unica meta. Ma oggi della luce di Oshun, o Ochún come la chiamano a Cuba, o Oxun in Brasile,  ho bisogno come dell’acqua e del pane. Ho bisogno della bellezza dell’amore e dei sogni per sopravvivere ad un presente inquinato ed incerto. Ho dipinto la divinità dalle mille passioni che appare …

1 Maria Giulia Alemanno_ Oya copy

Maria Giulia Alemanno espone a L’Avana LAS MUERTERAS Y LOS ANCESTROS

Oya Yansa acrilico e pastelli acquerellabili su tela cm 200 x 110 2016 Maria Giulia Alemanno LAS MUERTERAS Y LOS ANCESTROS Museo Casa de África de la Oficina del Historiador de la Ciudad de La Habana Obra Pí­a n. 157 e/ San Ignacio y Mercaderes 4 – 22  gennaio 2017 LA HABANA VIEJA Cuba Inaugurazione 4 gennaio, ore 10.00 orari:   da martedì a sabato: 10:15  – 17:45 domenica: 9:15 – 12:45 chiuso il lunedì Info:  +53 7 861 5798 (Cuba) http://www.mariagiulia-alemanno.com africa@cultural.ohch.cu onlus.eleggua@hotmail.it con il Patrocinio della Oficina del Historiador de la Ciudad de La Habana in collaborazione con …

Con YEMAYA AKUARA- ALEMANNO- lA HABANA copy

“ALMAS DE MIS TALLERES” una mostra fotografica di MARIA GIULIA ALEMANNO a LA HABANA VIEJA

Eleggua in Calle Mercaderes- Día de Reyes del 2010 ALMAS DE MIS TALLERES Una mostra fotografica di MARIA GIULIA ALEMANNO MUSEO CASA DE ÁFRICA de la Oficina del Historiador de la Ciudad 5 – 24  gennaio 2016 Obrapia No. 157, e/ San Ignacio y Mercaderes LA  HABANA VIEJA Cuba Inaugurazione martedì 5 gennaio, ore 11.00 orari da martedì  a sabato : 9.00 – 17.00 domenica: 9.00 – 13.00 A  cura di Museo Casa de África Associazione Culturale onlus Elegguà, Torino in collaborazione con Federico Brandazzi Foto 1ne, Crescentino (Vercelli) Info: Casa de África +537 861 5798 africa@cultural.ohch.cu Associazione Culturale onlus …

ORISHAS in studio 2004 copy

I MIEI ORISHAS

Obatala, Ochosi, Ochumare, Chango e dietro di loro le altre otto divinità Yoruba dipinte a tempera e acrilico su tela di sacco, cm 180 x x 115, nel corso del 2004 Questa immagine mi porta indietro nel tempo, quando preparavo la mostra MIS ORISHAS che avrei esposto nel gennaio 2005 nella cornice coloniale del Museo Alejandro de Humbold di L’Avana. Ho nostalgia di quei giorni vissuti a stretto contatto con le divinità di un Olimpo lontano che esploravo in punta di piedi. Erano presenze che nascevano dal cuore per poi prendevano forma e vita su ruvida tela di sacco, un …

CLASSE OBRAPIA scuola  copy

LA SANTERÍA PITTORICA di MARIA GIULIA ALEMANNO nell’intervista dell’antropologa ALICE TURRA

Maria Giulia Alemanno e Yemaya Awoyó   “Al principio, qui sotto vi erano solo fuoco e rocce ardenti. Allora Olofi, l’Onnipotente, volle che il mondo esistesse e convertì il vapore delle fiamme in nubi. Dalle nubi scese l’acqua che spense il fuoco. Nei crateri enormi tra le rocce si formò Olokun, l’Oceano, che è terribile e che tutti temono. Ma il mare è anche buono, perché è la fonte della vita, e l’acqua scavò delle vene nella terra affinché la vita si propagasse. Questa è Yemayá, la Madre delle acque. Per questo si dice anche che prima che esistessero tutte …

CHANGO - DONNE ORECCHINI ROSSI part copy

ESPERANDO A CHANGÓ EN LA HABANA

Aspettando Chango. Particolare di Donne dagli orecchini rossi inchiostro di china su carta 2014 Con gli occhi aperti su un unico desiderio, Maria aspettava Changó in un angolo della Plaza Vieja. Forse sarebbe arrivato dal porto, o dal Vedado, o direttamente da un sogno.  

Translate »